CONTATTI

GeoTrading non utilizza cookies di profilazione.

© 2019 GeoTrading

  • GeoTrading Linkedin
  • GeoTrading YouTube
  • GeoTrading Facebook
  • GeoTrading Twitter
  • GeoTrading Instagram

GeoTrading, Milano  |  ​info@geotrading.it

p.iva: 08548200966

norton_200x99.png
ssl-cert-wv.png

segnali di trading

le performance
dI GEOTRADING

 source: tradingview.com

S&P 500 grafico

Storia del S&P 500 + download storico delle quotazioni

- Download elenco aggiornato dei titoli S&P500, con le principali metriche d'investimento (xls)

- Come scaricare l'elenco aggiornato dei titoli S&P500

Consideriamo l’investimento finanziario come la strategia (o insieme di strategie) volta ad acquisire titoli azionari con lo scopo di ottenere dal loro utilizzo, in un periodo medio-lungo, un profitto sotto forma di plusvalenze derivanti dalla vendita di tali titoli in seguito ad un apprezzamento del loro valore.


Da questa definizione si evince che la strategia di GeoTrading prevede l’ottenimento di guadagni regolari e costanti nel tempo. È importante chiarire questo concetto, dato che non si tratta di una strategia speculativa, con tutti i rischi che quest’ultima prevede, ma di un’attenta gestione del capitale investito, cercando cogliere tutte le opportunità, evidenti o occulte che siano, offerte dal portafoglio S&P 500 nel corso del tempo, senza l'utilizzo di leve finanziarie. Vale la pena ricordare che Warren Buffet è diventato uno degli uomini più ricchi del mondo perseguendo strategie azionarie sull'S&P 500 simili a questa. Ad esempio, come dichiarato in una sua intervista al Sole24Ore, "La scelta è sempre quella su aziende che hanno elevati flussi di cassa, business sostenibili che possono produrre alti dividendi che vengono incamerati e mai distribuiti". Buffett infatti non ha mai assegnato cedole ai suoi azionisti: è l’incarnazione della strategia di creazione di valore nel lungo periodo. E che le scelte azionarie di Buffett si siano rivelate, seppure con qualche scivolone, lungimiranti, lo dimostra lo stato di buona salute della holding che raccoglie tutte le sue partecipazioni, la Berkshire Hathaway, che nell'ultimo bilancio annuale ha mostrato un utile di 4 miliardi di dollari. 


Purtroppo l’immaginario comune, grazie anche al bombardamento mediatico costituito per lo più da messaggi ingannevoli, pensa che il trading sia un modo facile per guadagnare rapidamente denaro e diventare molto ricchi. Questo può essere vero in alcuni casi, ma la legge del mercato afferma che a fronte di pochi che si arricchiscono, sono tanti quelli che perdono e dilapidano capitali in breve tempo.

 

RENDIMENTO vs BENCHMARK

L’investimento, come detto, è la scelta di una strategia volta a raggiungere un rendimento nel medio/lungo periodo tramite la compravendita di azioni o altri strumenti, che costituiscono un portafoglio che replica le performance di un indice di riferimento, l’S&P 500 nel caso specifico, detto benchmark
La strategia di GeoTrading, pur non essendo di tipo speculativo, non solo si prefigge di replicare le performance dell’indice S&P 500, ma di superarlo, generando rendimenti superiori, pur nel rispetto degli obiettivi fondamentali:

  • protezione del capitale

  • ottimizzazione dei rendimenti

Read_248x248.png
download1 258x277.png

3DO è il Trading System utilizzato da GeoTrading.  R2 (R quadro) è il quadrato del coefficiente di correlazione. In pratica è una stima della correttezza del modello regressivo utilizzato. Varia da -1 a 1. Valori superiori a 0,7 sono in genere considerati buoni. AGGIORNAMENTO: 30 Apr 2019

Il grafico delle performance confronta il rendimento ottenuto da GeoTrading (in arancio) con il benchmark di riferimento, rappresentato dall'indice S&P 500. In entrambi i casi si è ipotizzato un investimento iniziale (a maggio 2007) di 100.000 euro. Non sono state utilizzate leve finanziarie, né capitale composto (i rendimenti annui sono stati incassati e non reinvestiti). In caso di reinvestimento del capitale, il profitto sarebbe stato maggiore.

Da notare che la strategia di GeoTrading:

  • non è immune da trade negativi su singoli titoli, ma tali trade avvengono occasionalmente e non possono essere evitati. Ma dato che che nel portafoglio la singola posizione ha una ponderazione limitata, gli effetti non sono significativi nel totale del portafoglio e nel lungo termine;

  • sovraperforma l'indice S&P 500 (cioè restituisce sempre prestazioni migliori);

  • nei periodi in cui l'indice S&P500 perde vistosamente, GeoTrading non guadagna ma non perde. Questo comportamento è visibile, ad esempio, nel periodo dal 2008 a metà 2009 e, più recentemente, da metà ottobre 2018 ad inizio Aprile 2019.

Il "sistema", lo ripetiamo, funziona nel medio e lungo termine. Ciò significa che sono da mettere in conto periodi di non-guadagno o anche di lievi perdite, dato che non esiste un trading system o una strategia che non perdono mai. Basta osservare qui sotto il grafico "Annual accumulative net profit" per rendersene conto. E' dunque importante essere consapevoli e preparati a questo tipo di andamento, per fronteggiare dal punto di vista psicologico, sia eventuali periodi poco favorevoli, sia momenti di euforia nei periodi fruttuosi. Il segreto, in entrambe le situazioni è di perseguire con disciplina nell'investimento, evitando di sottrarre o aggiungere capitali sull'onda dello sconforto o dell'entusiasmo, ma attenendosi alla strategia predeterminata.

 

Qui sotto, i grafici più significativi del periodo 2007-2019, ricavati dal Report generato da Multicharts.

 

Qui puoi scaricare il Report completo

excel-100x120 (01).png
  • Il sistema ipotizza di investire un capitale iniziale di 100.000 euro

  • L'importo max investito in ogni trade è pari allo 0,8% del capitale totale.

  • I fattori di rischio di ogni singola azione vengono analizzati e l'importo max da destinare al trade (0,8%) può essere proporzionalmente ridotto.

  • Non vengono utilizzate leve finanziarie (leva 1:1).

Net Profit: differenza fra i profitti totali e le perdite totali. Misura il guadagno cumulativo netto nel periodo di investimento soltanto per le operazioni chiuse.

Profit Factor: misura la qualità delle operazioni eseguite tra quelle con profitto e quelle con perdite. E' calcolato come rapporto assoluto tra il valore totale delle operazioni con profitto rispetto al valore totale delle operazioni con perdite (per es., se PF = 2, indica che ha guadagnato 2 volte di più di quanto ha perso). Valori maggiori di 3 sono considerati molto positivi.

Max DD%: è calcolato come l'oscillazione negativa massima rispetto al valore massimo raggiunto dal capitale (Run-up): non pregiudica il guadagno ma piuttosto l'ansia del trader. Valori inferiori a 20% sono considerati molto positivi.

Ratio Avg Win / Avg Loss o Hit Rate%: misura la percentuale di successo delle operazioni. E' calcolato come rapporto percentuale tra il numero delle operazioni chiuse con profitto e il numero totale di operazioni chiuse. Si tratta di un parametro utilizzato spesso in maniera ingannevole, perché andrebbe sempre messo in relazione con i valori delle operazioni in profitto e perdita.

Tra 2 sistemi, il primo con Hit Rate del 70% ed il secondo con Hit Rate del 50%, qual è meglio?

Un sistema può avere un HR = 70% (ma con valore delle operazioni profittevoli uguale al valore delle operazioni in perdita, ossia Profit Factor = 1), ed un secondo sistema può avere un HR = 50% (con valore delle operazioni profittevoli doppio rispetto al valore delle operazioni in perdita, ossia Profit Factor = 2). Ne risulta che il primo sistema NON guadagna nulla… mentre il secondo guadagna ben il 100%.

Perchè il valore max del Equity Curve e del Annual Net Profit sono diversi?

Perchè l'Equity è il capitale totale, che è comprensivo del capitale iniziale di 100.000€. Il Net Profit è il profitto realizzato, quindi il capitale iniziale è escluso. 

Investimenti 2018

Negativa la performance 2018 dei fondi comuni, ed è un trend che si estende a tutte le tipologie di prodotti, dall'azionario (-7,5% l’indice Fideuram a fine 2018) all'obbligazionario (-3,8%), passando per bilanciati (-4,8%) e flessibili (-5,4%). Non vanno meglio in USA dove, per il nono anno consecutivo i fondi americani che investono in azioni a larga capitalizzazione hanno sottoperformato l’indice S&P500.

(fonte: report SPIVA di S&P Index)

In questa situazione, spicca la seppur modesta performance di GeoTrading, che si attesta ad un +7% per il 2018.

> Leggi tutto

Dubbi?consulta le FAQ

ti interessa questo argomento? iscriviti qui per ricevere gli aggiornamenti

Leggi l'approfondimento sugli Investimenti

Continua con PIATTAFORME DI TRADING

newsletter_logo100x74.png